mdpr1@libero.it

La ‘Chiesa Madre’ di Maglie

Commenti (1) Varie ed eventuali

Arrivo a Maglie sotto il diluvio.

Cerco la Chiesa della Colleggiata.

Nessuna segnalazione, nessuna.

Mi imbatto in un avventuroso messere che sfida valorosamente le avverse condizioni.

“La ‘Chiesa Madre’, dice?”, replica.

Sperando che così venga localmente chiamata la Colleggiata, faccio cenno di sì.

Due svolte e arrivo.

La prima delusione deriva dal fatto che la Chiesa non è collocata in una piazza ragione per la quale l’interessante facciata non è ben visibile.

La seconda?

E’ un edificio in qualche modo dimenticato.

Dai locali che non lo valorizzano minimamente e scommetto che i giovani del luogo non ne hanno contezza alcuna.

Dalla Chiesa intesa come istituzione, visto che all’interno regna sovrano il buio, che non esiste nessuna guida sonora o cartacea, che vige uno stato di abbandono morale.

Eppure, il Duomo merita.

Un altare pregevole, opere non disprezzabili nelle navate, un ovale del Bardellino di buona fattura…

Esco e il mio cuore è infelice.

La pioggia è diminuita.

Dubito, peraltro, che un sole splendente possa cambiare la triste situazione della ‘Chiesa Madre’ di Maglie.

One Response to La ‘Chiesa Madre’ di Maglie

  1. Roberto Gervasini ha detto:

    Frutto dell’ignavia e dell’ignoranza secolare che devasta il Sud come il Nord Italia. Pero’ tutti sanno chi ha partecipato al Grande Fratello del 15/18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *