mdpr1@libero.it

Nati a Omaha, Nebraska

Commenti (1) Varie ed eventuali

Ne ho parlato altre volte.

Ciò malgrado, ci torno sopra aggiornando l’incredibile lista.

Fatto è che a Omaha, Nebraska, in un posto lontano da tutto, sono nati personaggi quali

Fred Astaire ballerino e attore

Max Baer pugile campione del mondo dei pesi massimi

Marlon Brando attore e regista

Warren Buffett miliardario

Montgomery Clift attore

Gerald Ford presidente degli Stati Uniti

Lawrence Robert Klein premio Nobel per l’economia

Saul Kripke filosofo

Dorothy McGuire attrice

Nick Nolte attore

Alexander Payne  regista e sceneggiatore

Andy Roddick numero uno del tennis mondiale

Nicholas Sparks scrittore e sceneggiatore

Malcolm X rivoluzionario

Perchè tutti lì?

One Response to Nati a Omaha, Nebraska

  1. Paolo Potalivo ha detto:

    Buon pomeriggio,
    è abbastanza semplice, a mio modesto avviso, spiegarsi il motivo per il quale in un posto semi sconosciuto quale è appunto Omaha (Nebraska), che tralaltro è anche sede del SAC (strategic Air Command) siano nati tanti personaggi famosi.
    Tutti sappiamo infatti che gli statunitensi sono quasi per definizione dei giramondo, non dimentichiamoci infatti che sono per la maggior parte figli di immigrati, e dal momento che lo stato del Nebraska, di cui Omaha è appunto la capitale, si trova quasi al centro geografico degli Stati Uniti d’America e quindi è anche al centro della tentacolare rete viaria statunitense che è poi quella sorta di arteria vitale lungo la quale, soprattutto durante gli anni della Grande Depressione, si spostarono centinaia di migliaia di persone alla ricerca di un poco di fortuna sulla West Coast.
    Insomma concluderei che è quasi inevitabile che fra tante migliaia di famiglie che si spostavano, e che quasi obbligatoriamente finivano per trovarcisi a passare, non ce ne siano state un buon numero che in attesa di tempi più propizi abbiano finito per fermarcisi a Omaha.
    E che poi ci siano rimaste per poco tempo o molto a lungo non ha grande importanza, perchè se le famiglie si fermano, da qualche parte, alla fine qualcuno inevitabilmente ci nasce … da qualche parte appunto!
    Semplice no?
    Paolo Potalivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *