mdpr1@libero.it

Gli italiani, giovani in specie, non vogliono lavorare!!!

Commenti (2) Varie ed eventuali

Venerdi’ 28 febbraio 2014, un nuovo cantiere stradale in periferia: tutti gli operai sono stranieri, molti extracomunitari.

Sabato 1 marzo 2014, arrivano i nuovi divani: i due lavoratori che ce li consegnano sono latino americani.

Domenica 2 marzo 2014, lavori in corso sotto casa in un giorno festivo in vista dell’apertura di una gelateria: tutti gli operai sono extracomunitari.

Migliaia e migliaia  gli altri possibili esempi a cominciare dal fenomeno badanti: per esperienza so bene che non se ne trova una che sia una italiana.

La verità è che gli italiani, e in particolare i giovani, non vogliono lavorare.

Il resto sono balle!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 Responses to Gli italiani, giovani in specie, non vogliono lavorare!!!

  1. Enzo Tosi ha detto:

    Io oserei agggiungere che agli italioti fà male prendere i loro squallidi diplomi o le loro mediocri lauree, che non li abilitano ad alcunchè se non – appunto – sul pezzo di carta.
    Un incentivo a non lavorare con la scusa che l’eventuale lavoro non combacia con la qualifica cartacea.
    Se si fossero fermati a livelli di istruzione formalmente inferiori (sostanzialmente i loro livello rimane bassissimo indipendentemente dal diploma acquisito) non si tirerebbero indietro di fronte ad una zappa o ad un divano da trasportare.
    O ad un bar da gestire (cfr. cinesi che si stanno accaparrando tutti i bar).
    Enzo Tosi

  2. Fabio Bombaglio ha detto:

    Diminuiscono anche i praticanti avvocati italiani e di sesso maschile (e i liberi professionisti in generale delle stesse caratteristiche).
    Fabio Bombaglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *