mdpr1@libero.it

Daniil Nedvedev, il tennista ‘definitivo’?

Commenti disabilitati su Daniil Nedvedev, il tennista ‘definitivo’? Sport

Prima o poi…

Allora, ricordi con nostalgia i magici tocchi di Nicola Pietrangeli o le geniali invenzioni dei vecchi canguri…
Rammenti l’eleganza e la compostezza degli spettatori d’un tempo lontano…
Ovviamente, con infinito rimpianto, le racchette di legno…

Segui ancora, peraltro, e ti sei adeguato.
Segui questo diverso sport nel quale la potenza ha preso il sopravvento.
E aspetti che appaia il ‘tennista definitivo’, quello che serve implacabilmente, che risponde togliendo tempo e respiro all’avversario e che chiude gli scambi sempre e comunque con un vincente.
Che non sbaglia mai, insomma.

E ti capita di vedere in azione Daniil Medvedev nel 500 di Tokyo.
In finale, contro il campione di casa Kei Nishikori, ovviamente motivato al massimo e sostenuto dal pubblico.
E lo vedi spazzare via il rivale 6/2 6/4.
E lo vedi vincere ventidue servizi consecutivi, concedere un quindici all’inizio del secondo set e riportarne altri tredici di fila.
E lo vedi rispondere con una immediatezza disarmante.
È Daniil Medvedev sulle superfici veloci il ‘tennista definitivo’ che prima o poi il nuovo sport non più ‘dei gesti bianchi’ necessariamente produrrà?
Pare di sì.
Oggi, comunque, giganteggiando e imperversando, lo è stato!