mdpr1@libero.it

Senza di me

Commenti disabilitati su Senza di me Varie ed eventuali

Impegnati (dovunque nel mondo) a sostenersi l’un l’altro (io ti faccio scrivere, io ti invito, io ti faccio vincere il premio X, tu assumi mio figlio, mia cognata, la mia amante, mi infili nella giuria del premio Y..,), i giornalisti – ignoranti oltre ogni misura, perfino più dei politici! – non avendo rapporto alcuno con la realtà, vivono in un loro mondo, un mondo autoreferenziale, e da decenni non ne azzeccano politicamente una, schierandosi (ma non dovrebbero informare?) invariabilmente dalla parte perdente.
Rappresentano invero senza saperlo, senza rendersene conto, la conservazione e il costante rifiuto del nuovo, comunque proposto.
Essendo di sinistra, se obbligati a riconoscere la sconfitta degli amichetti, se la prendono con gli elettori, col popolo che si esprime democraticamente solo quando vota secondo i loro desiderata ed è invece ovviamente fascista quando non lo fa.
Non leggo più i giornali da anni.
Da ieri ho deciso di non seguire più neppure i tg.
Continuino pure coi loro caroselli.
Senza di me!