mdpr1@libero.it

Cani

Commenti (1) Varie ed eventuali

Non ho nessuna considerazione dei cani.
Come potrei?
Si affezionano all’uomo!

One Response to Cani

  1. CARLO CAVALLI ha detto:

    Una insolita insolente eccezione resta scritta nei comportamenti del cane di mio zio Mario da Caorso.
    Un barboncino funambolo e mattocco che trascorreva metà della sua giornata sul corrimano che portava al negozio di scarpe.
    Fortemente irriconoscente, faticava a ringraziare che gli dispensava cibo o coccole.
    E scodinzolando, borbottava.
    Una sera di un afoso agosto, a seguito di un collerico inelegante diverbio deflagrato con il suo padrone non padrone, prese la irremovibile decisione di fare fagotto.
    Se ne andò, nottetempo, abbandonando una filigrana d’osso davanti alla porta di chi lo aveva ospitato per tre anni.
    Quasi un irridentre autografo d’addio.
    Il barboncino si chiamava Ogiemme.
    Lo zio Mario lo aveva da subito inquadrato.
    ” L’é me un gatt”.
    E’ come un gatto : un cagnolino geneticamente modificato.
    Un abbaiante maldisposto, cocciuto, ingrato e sarcastico.
    Ogiemme non fece nemmeno l’ultima pipì sul cancellone.
    Di quel territorio, ormai ben poco gli importava.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *