mdpr1@libero.it

Da Attila a Colombo e a Magellano

Nessun commento Varie ed eventuali

Allora.
Attila avanza verso l’Atlantico.
Dovesse arrivarci – così come molto tempo dopo avrebbe potuto accadere, non fosse morto Ogotai, con il mongolo Batu – il futuro d’Europa risulterebbe sconvolto.
A Colonia, incontra Orsola, la futura Sant’Orsola.
È accompagnata da undicimila vergini che vengono subito trucidate.
Bellissima, Orsola, per il momento risparmiata, deve essere sua.
Non accettandone il rifiuto, Attila la fa uccidere a colpi di freccia.
Trascorrono i secoli e Cristoforo Colombo arriva in America per la seconda volta.
Nei Caraibi, scopre un arcipelago – che battezza nel nome di Sant’Orsola e delle undicimila vergini -oggi conosciuto come Isole Vergini.
Ma non è finita, perché, di lì a non molto, Ferdinando Magellano, dovendo dare un nome allo stretto che aveva appena scoperto (oggi non da oggi, a lui intitolato), lo chiama ‘Di Sant’Orsola e delle undicimila vergini’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *