mdpr1@libero.it

Dopo il 4 marzo

Commenti (1) Varie ed eventuali

Ecco il quadro dopo il 4 marzo, ammesso che i 5 Stelle siano davvero il primo partito.
Se Mattarella non dà l’incarico a Luigi Di Maio parleranno di mancanza di democrazia e di congiura contro di loro.
Se, nel caso, si formasse davvero – accadrà – il Renzusconi o un altro qualsiasi pateracchio, si troverebbero davvero in un ventre di vacca.
Se Di Maio, incaricato da Mattarella, non trovasse appoggi e fosse costretto a rinunciare, idem.
In prospettiva, contano di vincere e sperano di non riuscire dopo a governare (operano invero perché accada visto che chiedono vengano accettati il loro governo e il loro programma senza nulla concedere) per poter accusare il sistema.
In prospettiva, dovesse andare così (e andrà così) sono certi che nelle successive elezioni trionferanno.
Farina del sacco di Gianroberto Casaleggio, naturalmente.
Sullo sfondo, sempre, il Rousseau della ‘Introduzione alla Costituzione della Corsica’, maestro del paraguaiano Dottor de Francia e di Pol Pot.
(Come ho scritto tempo fa, non per niente la Piattaforma dei 5 Stelle di chiama ‘Rousseau’!)

One Response to Dopo il 4 marzo

  1. Giorgio ha detto:

    Vada come vada poi si vedrà…..chi impara a nuotare con l’acqua alla gola….chi affoga in un bicchire d’acqua….per Di Maio nutro una antipatia spontanea dal primo momento che mi è apparso nel teleschermo….per l’istinto di gatto che posseggo…il mio fiuto non sbaglia…è una colossale ciufeca….se fosse stato in quinta classe con Rossinelli, il testa tutta tonda l’avrei picchiato ogni giorno per tutta la strada scuola casa, andata e ritorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *