mdpr1@libero.it

Via Gluck

Commenti (1) Varie ed eventuali

Varese, Corso Matteotti.

Sotto i portici a destra, scendendo verso Piazza Carducci.

Prima del Caffè Zamberletti.

Cento anni fa o quasi.

Franchi, ‘le Sorelle Franchi’, la libreria che frequento da sempre in alternativa a Pontiggia.

Non solo libri.

Vendono anche dischi.

Sono qui per questo, invero.

Ho ascoltato Celentano al Festival di Sanremo, la sera prima.

“Mi fa sentire ‘Il ragazzo della via Gluck’”, chiedo alla Franchi più vicina al reparto dischi.

Il quarantacinque giri sul piatto e Adriano parte:

“Questa è la storia di uno di noi…”

Partecipo, eccome se partecipo.

Quand’ecco, le Franchi all’unisono:

“Ma guarda questo che razza di temi tratta”.

E, l’una all’altra:

“A chi vuoi che interessino?”

“A me e moltissimo”, quasi esplodo.

“Lo compro”, concludo.

Un momento, un accadimento lontano da non dimenticare.

Il rifiuto, la ribellione rispetto alle vecchie convenienze.

La dichiarazione di una appartenenza.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

One Response to Via Gluck

  1. Giorgio ha detto:

    Mauro Rok……dindan kiria kiria kiria….din dan kiria kiria…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *