mdpr1@libero.it

Peliwo

Nessun commento Sport

2012
Per la prima volta dal 1983 (l’impresa era allora riuscita a Stefan Edberg, futuro numero uno del tennis), un giovanissimo arriva in finale in tutti e quattro i tornei dello Slam nella categoria junior.
Si chiama Filip Peliwo.
È canadese di Vancouver.
È nato il 30 gennaio 1994.
Destro, usa il rovescio a due mani.
Perde invero a Melbourne e a Parigi, ma vince a Wimbledon e a New York.
Non imita fino in fondo Edberg (autore nel citato 1983 di un Grande Slam junior unico e probabilmente irripetibile) ma gli va vicino.
Un luminosissimo avvenire?
Si può forse pensare al termine di quel 2012 che il buon Filip non abbia un avvenire ai massimi possibili livelli anche tra i professionisti?
Ebbene, ‘futures’ a parte (tornei decisamente ‘minori’), il canadese dall’anno successivo praticamente sparisce navigando nelle retrovie, occupando in classifica posizioni imbarazzanti.
Poi – e siamo alla trascorsa settimana – supera insperatamente le qualifiche del Challenger di Xnoxville, Tennessee.
Entra in tabellone.
Batte giocatori di un qualche conto.
Vince!
È il circuito Challenger praticamente l’anticamera della Serie A dello sport dei gesti bianchi.
Possiamo sperare in un futuro migliore del recente passato per il campioncino d’un tempo?
In fondo, non ha ancora ventiquattro anni.
Chissà?

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *