mdpr1@libero.it

Giro di farmacie

Commenti (3) Varie ed eventuali

Tutte?
Quasi.
Sabato ho girato pressoché tutte le farmacie di Varese con l’intento di accaparrarmi il maggior numero possibile di confezioni di Neo Cibalgina.
La giornata era cominciata con una mia visita all’alba alla farmacia di turno.
E con la successiva litigata col farmacista che mi aveva detto che non aveva Neo Cibalgina (e l’ho sopportato) e che il prodotto non sarebbe più stato in vendita perché uscito di produzione (insopportabile!).
Non gli ho creduto e gli ho detto che non sapeva fare il suo mestiere.
Ho poi verificato che il dannato aveva detto il vero.
Uso la Neo Cibalgina da sessantacinque anni e col mio mal di testa non posso restarne senza.
Conclusione, girando ne ho comprato una cinquantina di confezioni.
Sono tante, dite?
Sono seicento pillole.
Mi dureranno quattro mesi circa.
Niente, praticamente.
E dopo?

3 Responses to Giro di farmacie

  1. Andrea Zuffellato ha detto:

    Quando la Neocibalgina sarà definitivamente esaurita, Le consiglio di provare le compresse di Saridon: la loro composizione è la più vicina a quella della Neocibalgina. Oppure faccia qualche tentativo in Canton Ticino: non di rado in Svizzera si trovano ancora regolarmente commerciabili farmaci che in Italia non lo sono più. Cordialmente.
    Andrea Zuffellato, farmacista.

  2. Carlo Cavalli ha detto:

    Grazie al commento di un provvidenziale farmacista , la mia memoria riacciuffa il ricordo della scatoletta metallica del Saridon.
    Compagna di viaggio – nella sua lunga proficua vita- della mia nonna materna.
    La nonna Marcella , così adorabile e guizzante da ribattezzare il tenente Sheridan ” tenente Saridon”.
    E l’impermeabile bianco diventava una pastiglia investigativa.
    Con Ubaldo Lay dentro un bugiardino scritto da Casacci-Ciambricco-Rossi.
    “Sedici ore per non morire”.
    Intanto la nonna controllava il numero delle compresse nel contenitore azzurro argentato.
    Quasi una gibigianna nella scarsissima luce della stramba chiapputa lampada che evocava il sedere della Anselma, che di giovedì (puntuale come gli gnocchi) veniva a dare una mano a stirare.
    Ancheggiando nel vapore della biancheria appena radunata.
    Da stordirti la testa.
    Ma per fortuna c’era il Saridon.

  3. Carmela Bellantonio ha detto:

    Anch’io prendo la neo cibalgina

    Sto provando con altri farmaci,ma non li tollero..fatemi sapere se ci sono novità in merito. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *