mdpr1@libero.it

Da Pietrangeli a Panatta

Nessun commento Varie ed eventuali

1957 e 1961, Roma.
Nicola Pietrangeli vince gli Internazionali d’Italia di tennis.
Il pubblico, elegante, segue attentamente senza disturbare l’andamento del gioco.
Buona educazione.
Fair play.
Gli spettatori, semplicemente, sanno come ci si deve comportare.
1976, una differente Roma.
In campo e vittorioso Adriano Panatta.
Tifo calcistico.
Urla, schiamazzi, applausi a sottolineare gli errori dei rivali.
Maleducazione.
Meno di vent’anni e il mondo – tutto il mondo – era cambiato.
Infinitamente in peggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *