mdpr1@libero.it

Caldo record

Commenti (1) Varie ed eventuali

Per conoscenza a proposito delle temperature “da record”.
In Svizzera, ieri, a Sion, il termometro è arrivato a 36.9 gradi.
Non male ed è il massimo, finora, in questo 2017.
Peraltro, in terra elvetica, dove le misurazioni in merito hanno preso il via dal 1864 (mentre in quasi tutto il resto dell’Occidente datano 1881), il picco si è registrato nella mitica estate 2003, l’11 agosto, a Grono, nel Grigioni.
41.6 addirittura i gradi.
Il precedente datava 28 luglio 1921: 38.4 a Basilea.
Il fatto che il primato basilese – imbattuto per per ottantadue anni – risalga appunto al 1921 certifica (con infiniti altri dati) che non è esclusiva di questi anni il caldo estivo.

One Response to Caldo record

  1. Matteo Maria Martinoli ha detto:

    Semmai contrastando gli infiniti altri dati il fatto che il record di massimo caldo abbia impiegato tanti decenni per essere battuto e sia balzato di più di tre gradi comporterebbe i fallaci sostenitori dell’irreversibile cambio climatico scatenato sul pianeta terra dall’inumana umanità industrializzantesi… I fatti non vanno piegati alla realtà. Un fatto è un fattore di dimostrazione di una tesi soltanto quando si smette di accettarlo nella sua purezza: un fatto è un fatto oppure è una bufala; lo si accetta o lo si nega, ma a costringerlo in una qualsiasi griglia dimostrativa spesso lo si disfa e raramente, anche quando si ha ragione, lo si trasforma in convincimento altrui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *