mdpr1@libero.it

Pregiudiziali di costituzionalità: il grottesco in politica

Nessun commento Varie ed eventuali

Esiste qualcosa di più grottesco e insieme più falso dell’esame e del successivo voto da parte di Camera o Senato sulle pregiudiziali di costituzionalità di una legge in corso di approvazione?
Ovviamente, visto che a votare in merito sono gli stessi parlamentari (chissà con quale competenza?), l’esito della votazione è scontatissimo: se la legge interessa la maggioranza è ok eccome, altrimenti no.
E d’altra parte, forse che le norme poi dichiarate incostituzionali dalla Consulta non avevano superato brillantemente il ridicolo esame?
Una presa in giro alla quale i media danno, per connivenza, grande importanza segnalando il risultato positivo della votazione come fosse un riconoscimento straordinario e prendendo ancora una volta in giro gli elettori.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *