mdpr1@libero.it

La lettura del gas

Nessun commento Varie ed eventuali

Mi divertivo.
Decenni e decenni fa, mi divertivo. 
Con poco, a ben guardare, visto che ogni qual volta, all’ingresso del nostro condominio, da qualche parte ma solitamente sulla porta dell’ascensore, appariva il foglietto stampato con la scritta ‘Domani lettura gas’, col pennarello, dove possibile, vergavo un bel ‘e chi se ne frega?’
Mal me ne è evidentemente incolto, considerato che oramai da tempo la lettura del gas non la fa più nessuno essendo trascorsa nel dimenticatoio la figura medesima del ‘lettore’.
Capita, oggi, quindi e pertanto, che le bollette, lungi dal presentare un conto preciso e certo, impongano ai poveri utenti di pagare consumi per definizione ‘presunti’ per di più obbligandoli ad anticipi calcolati in modo ‘arbitrario’ (non altrimenti definibile).
Vorranno gli Enti fornitori risparmiare non assumendo personale alla bisogna delegato?
Vorranno approfittare per incassare cifre inventate ‘salvo conguaglio’?
Mi dicono che posso rimediare leggendo io i dati sul contatore.
Ma se non so neppure dove si trova!
Dichiaro qui la mia disponibilità a pagare un surplus per avere un mio ‘lettore del gas’ personale.
Mi accontenteranno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *