mdpr1@libero.it

Sconfitta

Nessun commento Eminenti Varesini, Sport

Bella serata.
Fuori, piove che Dio la manda ma nel Varesotto basta parlare di ciclismo per riempire la sala.
Silvano Contini e Beppe Fezzardi hanno raccontato di se a volte con impeto e a volte sottovoce.
Le immagini, i filmati – antichi quasi quelli riguardanti ‘il Fez’ – hanno mostrato le loro vittoriose imprese.
E verso la fine, dal pubblico, una domanda particolare.
Quale ‘il momento’ che più di tutti gli altri ricordano.
Con piacere o meno che sia?
Ed ecco quello che ‘il Fez’, partecipe, con voce improvvisamente grave, racconta:
“Giro d’Italia 1966.
Ultima tappa.
Siamo partiti da Vittorio Veneto e si va a Trieste.
Il mio capitano, Gianni Motta, ha la maglia rosa e, insomma, la vittoria è nostra.
Capita che mi ritrovi in fuga e che al traguardo manchino pochi chilometri.
Un gruppetto e io sono il più veloce.
Sapete, vero, cosa significa vincere l’ultima frazione al Giro?
Ma ecco che arriva l’ammiraglia, si affianca e il direttore sportivo mi fa cenno.
Mi accosto.
‘Beppe’, dice, ‘la volata non la fai’.
E continua: ‘Non possiamo.
Abbiamo già la maglia e la vittoria di tappa oggi deve andare a un’altra squadra’.
E così è andata.
Per la storia, vinse Bariviera”.
Ha ricordato con ancora l’amaro – un sacco di amaro – in bocca.
Non un successo.
Una sconfitta obbligata ‘il momento’ che ‘il Fez’ ha tirato fuori.
Per un attimo, in sala, un silenzio davvero partecipe.
Gli siamo tutti vicini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *