mdpr1@libero.it

Situazione politica. Non più partiti. Solo comitati elettorali.

Nessun commento Varie ed eventuali

Pane al pane.
La sinistra e la destra in Italia non esistono più (la destra è defunta da tempo immemorabile mentre la sinistra sta tirando le cuoia).
Il centro? 
È impalpabile.
In luogo dei partiti, si sono formati tre comitati elettorali.
Tre schieramenti utili forse a vincere le elezioni ma poi assolutamente non in grado di governare decentemente.
Lo schieramento detto – per carità, quando mai! – di destra (nel quale alberga la Lega guidata da un ex leoncavallino a suo tempo leader dei ‘comunisti padani’) ha più volte dimostrato di non sapere che pesci prendere quando al governo, disgregandosi velocemente dopo avere vinto.
La sinistra – comunque minoritaria anche quando vinceva di rapina – è sull’orlo del ko e i fuorusciti dal PD rischiano di fare la fine di Bertinotti e soci qualche anno fa.
Il comitato elettorale messo in piedi da Renzi è in crisi e i sondaggi lo collocano perfino alle spalle dello schieramento formato dalla Banda Bassotti, schieramento che viene definito – ripeto, impropriamente – di destra.
I ‘grillini’ (dilettanti allo sbaraglio e populisti tanto al chilo) sono infine i più pericolosi perché privi oramai della sola loro testa pensante, Gianroberto Casaleggio.
Non che questi fosse un tipo affidabile stanti le sue idee roussoiane, quelle – per farmi capire – adottate a suo tempo da Pol Pot nella Kampuchea Democratica.
Come ne verremo fuori?
Non succederà!
Quando si tocca il fondo non si risale affatto. 
Anzi, qualcuno comincia a scavare.
Evviva.
 
(Sinceramente?
Me ne frego.)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *