mdpr1@libero.it

Il grande Gianni Clerici

Nessun commento Sport

Martedì sera.
Noia.
Salto da un canale all’altro.
Poi, mi rifugio su Supertennis ed ho fortuna.
È in programmazione una intervista a Gianni Clerici, un grande e un vecchio amico.
Per decenni, prima di conoscerlo, ho comprato La Repubblica solo per leggere i suoi scritti sul tennis.
Non semplici articoli, capolavori.
Gianni conosce il tennis ovviamente ma soprattutto ne parla da amatore a da poeta.
Ebbi la fortuna di incontrarlo e di stringere amicizia con lui ai tempi delle mie Pignolerie sul Foglio.
Nella sua sapiente prosa, nel suo vergare, la precisione in fondo non interessa.
Conta infinitamente meno della grazia.
Da infame pignolo quale sono mi capitò di coglierlo in castagna ricevendo in cambio apprezzamento e amicizia.
L’ho visto l’ultima volta a Montecarlo, tre anni fa, direi.
Sono andato a salutarlo in cabina distogliendolo per un minuto dalla cronaca della prima semifinale (giocava Gilles Simon, ricordo).
Un abbraccio e un sorriso.
Ecco, sentendolo e guardandolo ho provato nostalgia.
Ci rivediamo Gianni, che dici?
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *