mdpr1@libero.it

Vittorio Zucconi ovvero come si possa campare sul nulla

Commenti (1) Varie ed eventuali

Figlio di un grande uomo (ho collaborato sia pure brevemente col padre Guglielmo e so quel che dico), Vittorio Zucconi è l’indiscusso maestro di una peraltro nel campo giornalistico frequentatissima arte, quella di intervenire e pontificare dovunque e comunque su temi e argomenti di ogni genere che non si conoscono assolutamente e in relazione ai quali non si prova nemmeno ad acculturarsi.
Scrive sesquipedali sciocchezze sbagliando dati e date contando sul fatto che i lettori si bevono tutto.
Parla a ruota libera con aria di sufficienza contando sul fatto che gli interlocutori in primo luogo e gli ascoltatori in secondo non hanno conoscenze che permettano loro di coglierlo in fallo.
Soprattutto, non si distacca mai dal politicamente corretto.
È una vera iattura!

One Response to Vittorio Zucconi ovvero come si possa campare sul nulla

  1. Ferrara Carmine ha detto:

    In effetti ho sempre pensato che questo personaggio fosse un po’ troppo saccente, al limite del fastidioso. L’ultima “sinistrorsa”performance ho potuto (ahimè) ammirarla durante una recente puntata di Piazza Pulita nella quale faceva da controcanto a Formigli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *