mdpr1@libero.it

La signora Ciccone sostenendo Hillary tocca il fondo quanto a volgarita’ in una campagna elettorale che vede confrontarsi i due peggiori candidati di sempre

Nessun commento USA

Il 2016 elettorale restera’ nella storia degli Stati Uniti per molte ragioni ma soprattutto per avere proposto i due candidati piu’ impresentabili di sempre.

Verra’ il tempo per convenientemente articolare il giudizio.

Oggi, necessita semplificare e ogni semplificazione e’ obbligatoriamente brutale.

Al dunque.

Uno per un verso, uno per l’altro, Trump e Clinton sono i rappresentanti di una societa’ allo sfacelo culturale e sociale.

Il prodotto – con i media che partecipano e gioiscono del putridume – di una lunga opera di disgregazione della vecchia America, sfacelo oramai compiuto per quanto qualcuno provi invano ad opporsi.

Cosi’ e’ senza dubbio e lo dimostra il fatto che un Paese che conta oltre trecento miloni di abitanti non e’ in grado di proporre qualcosa di meglio, qualcuno migliore.

Di piu’, un Paese che i capaci – e in corsa nelle primarie e anche in precedenza ve n’erano – li elimina.

Si e’ sempre detto e ripetuto che alla fine della lunga corsa alla Casa Bianca arriva ‘the best man’, l’uomo migliore.

Chi oggi al mondo puo’ seriamente pensare che anche in questa occasione accada?

Il fondo era stato raggiunto velocemente dall’una e dall’altra parte.

I comportamenti – impuniti da autorita’ conniventi – dei candidati, dei loro staff, dei partiti di appartenenza subito e costantemente immorali e illeciti.

Ma un antico adagio dice che quando si arriva appunto al fondo qualcuno comincia a scavare per scendere ulteriormente fino a sprofondare.

Ed ecco una cantante – chiamarla Madonna e’ orribile e da’ il voltastomaco – di volgarita’ assoluta (che sulla volgarita’ esibita ha fondato la propria carriera) promettere pubblicamente sesso orale a quanti voteranno Hillary Clinton, aggiungendo particolari assai piu’ che inverecondi.

Dopo di che quanto accade conferma in toto il giudizio precedentemente espresso sulla societa’ e sui media USA e non solo.

Compiacimento, in una sola parola.

Compiacimento generale e ditino alzato nei confronti di quanti – illiberali e retrogradi – eccepiscono.

E la beneficiaria di questa tanto elegante proposta che fa?

Si dissocia?

No.

Tace, viene da ritenere, compiaciuta.

Gentaglia, plebaglia e due candidati alla plebaglia confacenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *