mdpr1@libero.it

I festeggiamenti di Giuliano Ferrara nel ventesimo anniversario delle ‘Pignolerie’

Nessun commento Varie ed eventuali

Onore a Mauro della Porta Raffo

“Al Foglio, oltre che io personalmente, gli siamo tutti grati: diede per noi una cifra di stile di quelle pepate, intrattabili, che anche in altri campi hanno fatto la fortuna e la durata del giornale”.

 

6 settembre 2016

 

All’inizio il Gran Pignolo faceva tutto da solo.

Scriveva al Foglio, irritava i mostri sacri, li coglieva in castagna.

La sua precisione era implacabile.

Mi ha procurato come direttore una quantità di lamentele e levate di scudi, anche di cari amici.

Ma non c’era niente da fare.

Il suo era il successo del castigatore.

Poi è venuto fuori che è una persona gentile, che pratica la riva magra del Ticino, che ama Piero Chiara devotamente, che sa tutto del complicato sistema costituzionale americano oltre che di mille altre cose, e che sa cavarsela egregiamente imbarcato su un vascello corsaro ma anche nuotando solitario in alto mare.

Al Foglio, oltre che io personalmente, gli siamo tutti grati: diede per noi una cifra di stile di quelle pepate, intrattabili, che anche in altri campi hanno fatto la fortuna e la durata del giornale.

Vent’anni sono un bel compleanno, e il Gran Pignolo, il vecchio Mauro della Porta Raffo, merita i festeggiamenti del suo Giuliano Ferrara

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *