mdpr1@libero.it

Da Federer a Thiem. Passaggio delle consegne?

Nessun commento Sport

12 giugno 2016

 

Ricordate Wimbledon 2001?

Pete Sampras giostrava, imbattibile o quasi (aveva perso solo una volta negli ultimi nove anni e cercava l’ottavo successo per issarsi, unico, sul gradino più alto di sempre).

Negli ottavi, incontra un ventenne svizzero, un certo Roger Federer.

Dovrebbe essere un avversario malleabile.

Niente affatto.

Il basilese vince in quattro set!

Roger non trionferà quell’anno sui campi verdi, ma, come lo sconfitto, vincerà un totale di sette volte sul mitico Centrale.

Ebbene, quell’incontro segnò – lo scoprimmo dopo – il passaggio delle consegne.

Oggi.

Un torneo meno importante ma sull’erba.

Stoccarda, semifinale.

L’austriaco Dominik Thiem (che lo ha già sconfitto a Roma ma sulla terra) elimina Roger Federer in tre set.

Thiem è forte ma non ancora maturo.

Si è fatto strapazzare pochi giorni fa al Roland Garros da Nole Djokovic al penultimo turno.

Ma sembra proprio sia il futuro dello ‘sport dai gesti bianchi’.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *