mdpr1@libero.it

Il Paradiso Islamico

Commenti (2) Varie ed eventuali

di Enzo Tosi

Da SAPERE.IT

URI’ : sf. inv. [dall’arabo al-ḥūr, (le fanciulle) dagli occhi neri].

Fanciulle destinate al godimento di coloro che hanno meritato il Paradiso islamico.

Le urì costituiscono una perfetta immagine della donna quale oggetto di piacere, e tuttavia pura, d’una purezza addirittura fisica: esse tornano a essere vergini dopo l’accoppiamento e le loro carni sono d’un biancore che sfiora la trasparenza.

Secondo una credenza ogni beato ha diritto a tante urì quanti sono i digiuni effettuati durante il Ramadan e quante le opere buone compiute.

 

Il Paradiso islamico è un luogo ove coloro che Vi sono promossi godono per l’Eternità di concreti piaceri della carne, in abbondante e perennemente rinnovata continuità.

Infatti non solo la verginità delle Urì, le bianche fanciulle dai grandi occhi neri, si rigenera dopo ogni accoppiamento ma anche lo stato di erezione del beato è permanente.

Il premio del Paradiso è accordato al beato quando egli abbia concluso la sua vita naturale, rispettando i dettami della vera Fede.

Mentre viatico diretto ed immediato per il Paradiso, che evita la lunga attesa terrena, è operare come shahīd, testimone o martire della Fede, dando la vita nella “guerra doverosa” per l’affermazione di Essa.

2 Responses to Il Paradiso Islamico

  1. Lorenzo Benzi ha detto:

    Se è così quasi quasi mi faccio islamico… !!!

  2. Giorgio ha detto:

    Non mi sento di affrontare l’argomento con la mente ed il cuore,senza bacchettare sonoramente sia a dritta che a manca,la religione loro, che la nostra essendo agnostico da sempre,pur avendo come amici sacerdoti cattolici italiani ove discutere serenamente,a volte difficile farlo con superfedeli arroccati intransigenti,
    ed amici arabi,pescatori egizzi trapiantati in Grecia,ed un giovane marocchino residente a Recanati di grande educazione,pronto a farsi in quattro per farti una qualsiasi cortesia, senza nessun compenso offertogli,non ho mai osato parlargli di religioni perché sentivo quanto era radicata nel suo cuore la propria,egli mi reputò un secondo padre considerandone la differenza di età,tanto che lo indussi a lasciare una fidanzata recanatese,perche sposasse la ragazza che lo aspettava in Marocco,”donne e buoi dei paesi tuoi”.
    Concludendo quale dei due credo sia quello con il fruscello o il palo nell’occhio francamente non lo so,di certo il buon Gesù era arabo,come i tre Remagi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *