mdpr1@libero.it

Zimmerwald, culla della rivoluzione russa nel Canton Berna

Nessun commento Varie ed eventuali

di Nadia Capone da Tv Svizzera.it

L’elenco di eventi per commemorare il centenario della conferenza di Zimmerwald è impressionante: una mostra al museo regionale Schwarzwasser, a Schwarzenburg nel cantone di Berna, una serie di conferenze presso la Biblioteca svizzera sull’Europa orientale dell’università di Berna, la pubblicazione alle edizioni Chronos del libro “Zimmerwald e Kiental”, degli storici Julia Richers e Bernard Degen, sono soltanto alcuni esempi. Per non parlare delle celebrazioni nel villaggio di Zimmerwald.
All’inizio dello scorso settembre, politici, giornalisti e semplici cittadini si sono riuniti per celebrare il centenario della manifestazione. Ma perché la conferenza di Zimmerwald costituisce una tappa così speciale? Per capirlo, è opportuno ricordare alcuni fatti storici. La conferenza, che riunisce i socialisti europei nel villaggio di Zimmerwald, non lontano da Berna, si svolge nel 1915, quando infuria la Prima Guerra mondiale infuria. “Il proletariato era allora letteralmente usato come carne da cannone in trincea”, dice Julia Richers, storica e co-autrice del libro “Zimmerwald e Kiental”.
Eminente giornalista e capo redattore del quotidiano “Berner Tagwacht”, Robert Grimm si occupa dell’organizzazione della riunione e affitta un locale a suo nome. Lo storico Bernard Degen sottolinea che Robert Grimm era “un brillante organizzatore e un oratore avvincente, probabilmente una delle più importanti figure politiche che la Svizzera ha conosciuto nel XX secolo”. La conferenza si svolge in segreto. Le autorità sono convinte che si tratti di una riunione di ornitologi, non di socialisti.

Un’eredità duratura
La riunione si apre il 5 settembre 1915, con 38 partecipanti provenienti da 11 paesi. La delegazione russa comprende, tra gli altri, Trotsky, Zinoviev e Lenin. Quest’ultimo “lascia il sua ‘ghetto’ di Berna e si presenta a Zimmerwald nelle vesti di un vero leader del movimento radicale dei lavoratori”, osserva Bernard Degen. La conferenza lancia un appello contro la guerra mondiale. Nel Manifesto di Zimmerwald, approvato dalla maggioranza dei partecipanti, la conferenza sottolinea che il proletariato deve lottare per la pace senza annessioni o indennità di guerra e che il principio di autodeterminazione dei popoli deve costituire la base delle relazioni internazionali.
“Se si prescinde la retorica comunista, il manifesto della conferenza si fa eco di giuste rivendicazioni, come l’esigenza di pace tra i popoli, alla quale aspiriamo oggi”, ha affermato la socialista Barbara Egger-Jenzer, membro del governo cantonale bernese, nel discorso pronunciato in occasione della commemorazione.
Dal canto suo, Lenin presenta la sua teoria di trasformazione della guerra imperialista in guerra civile. Forma, con otto seguaci, tra cui Zinoviev e il fondatore del Partito comunista svizzero Fritz Platten, la cosiddetta “sinistra di Zimmerwald”. Benché questo movimento si pronunci a favore del manifesto, i suoi leader annunciano che intraprendono un percorso politico indipendente. Le azioni di questo gruppo radicale influenzeranno notevolmente il corso degli eventi in Russia.
Oltre agli appelli per pace, nel 1915 sono lanciate anche richieste per la concessione di maggiori diritti politici e sociali ai lavoratori. Barbara Egger-Jenzer ritiene che molti cambiamenti positivi in questo senso si sono verificati in seguito alla conferenza. “Oggi, in Europa, nessuno si deve più nascondere per difendere i diritti umani”.
“La libertà di riunione e la libertà di parola sono valori fondamentali, garantiti a tutti in Svizzera, ha sottolineato la magistrata bernese. Il paese ha registrato passi avanti da giganti nel campo della socialità, che nel 1915 non si osava nemmeno sognare. La giornata lavorativa di otto ore, congedi pagati, il sistema di assicurazione pensionistica fanno parte di questi diritti acquisiti”: Barbara Egger-Jenzer è convinta che tutte queste conquiste siano state possibili, tra l’altro, grazie al raduno di Zimmerwald.

Ritorno in Russia
Un anno e mezzo dopo la conferenza, nell’aprile del 1917, Lenin ei suoi sostenitori lasciano la Svizzera per la Russia, passando dalla Germania, con un treno appositamente organizzato da Fritz Platten. Il convoglio arriva a Pietrogrado una settimana dopo, segnando l’inizio di una nuova era. “Senza questo treno, vale a dire senza Zimmerwald, Grimm e Platten, forse non ci sarebbe stata la rivoluzione russa”, conclude Julia Richers.
Il destino non sarà tuttavia clemente con molti partecipanti alla conferenza. Trotsky è assassinato negli anni ’40 su ordine di Stalin. Negli anni ’30, Zinoviev e Radek sono entrambi vittime della repressione staliniana, così come lo svizzero Fritz Platten nel 1942. Le sorti saranno più favorevole per Robert Girmm. Nel 1918, è uno degli organizzatori e prende il timone dello sciopero generale che suote la Svizzera. Nel 1945, diventato persino presidente del Consiglio nazionale (Camera del popolo), ossia il “primo cittadino della Svizzera”.
Quanto a Lenin, riesce a dare vita ad alcune delle sue dichiarazioni di Zimmerwald. La Prima Guerra mondiale si trasforma realmente in una guerra civile in Russia, una vera tragedia nazionale. Gli ideali di giustizia sociale si realizzano, non in Russia, ma in Svizzera, senza alcuno spargimento di sangue.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *