mdpr1@libero.it

Il the mi ricorda Ned Beatty

Commenti (2) Varie ed eventuali

Sempre più difficile, quasi impossibile, in un bar, in un caffè, in giro, bere una tazza di the al latte (altrimenti, col limone, sarebbe ed è sacrilego!) ‘comme il faut’.

The di ogni tipo, tranne quello ‘normale’.

E latte a lunga conservazione, imbevibile.

Ogni volta, quando, malgrado tutto, compio l’errore di ordinarlo, assaggiandolo con disgusto, mi torna alla mente una scena della bella pellicola di Ronald Neame ‘Due sotto il divano’, con Walter Matthau, Glenda Jackson e quello straordinario caratterista che è Ned Beatty.

Ebbene, proprio quest’ultimo, a casa sua, riceve un gruppo di collaboratori.

La moglie, entra nello studio, e portandogli il the gli dice: “Caro, è come lo vuoi tu, col limone”.

Beatty, sorride, lascia che esca e bofonchia: “Mi piace da sempre col latte e me lo fa invariabilmente col limone. L’avessi uccisa vent’anni fa sarei già fuori!”

Ecco, se sentite dire, se leggete che ho ucciso un barista…

2 Responses to Il the mi ricorda Ned Beatty

  1. Enrico Cazzaniga ha detto:

    Ricordo bene la battuta, ogni tanto mi torna in mente…

  2. Gianbattista Rosa ha detto:

    Sei in buona compagnia. Abramo Lincoln, quando dopo un comizio gli portarono una qualche bevanda, dopo averla assaggiata disse “Se questo è tè, portatemi del caffè; se è caffè, portatemi del tè.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *