mdpr1@libero.it

TchaikovskiJ a Roma (Bella ragazza dalla treccia bionda)

Nessun commento Varie ed eventuali

Sia le mie figlie, mille anni fa, sia più di recente i miei nipoti si sono dovuti sorbire una ‘ninna nanna’ speciale.

Ho loro di sovente cantato, infatti e con la mia vociaccia, il vecchio stornello ‘Bella ragazza dalla treccia bionda…’

(nella mia versione, prosegue così:
…di nome vi chiamate Veneranda
Gli uomini per voi fanno la ronda
Babbo non vuole, mamma nemmeno
come faremo a fare l’amor?)

Ebbene, il grande Tchaikovskij, soggiornando a Roma, sentiva ogni mattina il trombettiere di una vicina caserma che, tra l’altro, si esercitava con quel bellissimo ritornello.

Da lì, con altre composizioni italiche, il celeberrimo ‘Capriccio italiano’, laddove l’eco di ‘Bella ragazza…’ è evidentissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *