mdpr1@libero.it

Gente vestita malissimo!

Commenti (3) Varie ed eventuali

Lo so, è d’uso dialettale.

Ma ‘strepenato’ e il termine giusto, corretto per definire l’infinito numero di ragazzotti (e non solo) che si aggira per le città al sabato e alla domenica.

Gente vestita malissimo, stracciata, spettinata, tatuata, tutta uguale… un disastro.

E non è questione di denaro, per carità.

Una giacca e una camicia, volendo e cercando, costano perfino meno degli stracci che indossano.

No, è che attraverso il vestiario dimostrano, appalesano quello che sono: una massa indistinta e cafona.

Certo che la mia generazione quanto a educazione dei figli e dei nipoti ha fallito alla grandissima!!!

3 Responses to Gente vestita malissimo!

  1. Lorenzo Benzi ha detto:

    ….e i genitori tollerano abbigliamento e tatuaggi n …..

  2. Antonio Cosentino ha detto:

    Mi meraviglio che tu ti meravigli, caro Mauro. Se i genitori dessero il buon esempio, i giovani curerebbero meglio la loro immagine.
    Mi vengono alla mente almeno tre occasioni in cui ho visto gli adulti assistere a concerti e spettacoli vestiti alla bell’e meglio.
    La prima occasione a Milano, all’Auditorium di Largo Mahler: mi sono sentito fuori posto perché, pur essendo d’estate, c’ero andato con giacca e cravatta, confidando nell’impianto di condizionamento, che fece degnamente il suo lavoro. Dire che c’era gente con le maniche corte e la canottiera in bella vista è poco.
    Altro episodio al Teatro alla Scala: accanto a spettatori degni, ce n’erano altri che – notati nell’intervallo – non capivi in che veste (è il caso di dirlo) fossero lì.
    Speravo nella provincia: niente da fare, anche all’Apollonio di Varese ho visto gente che ciabattava.

  3. Giorgio ha detto:

    L’abito che dovrebbero indossare sarebbe la divisa della Naja con stellette,almeno per otto mesi senza licenza,dove hanno fallito i genitori rimediano le stellette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *