mdpr1@libero.it

Sebastiano Vassalli, la religione, i papi

Nessun commento Varie ed eventuali

dal ‘Congedo’ dello scrittore incredibilente, quasi sapesse della morte imminente, collocato a chiusura del suo ultimo libro ‘Io, Partenope’

“L’ultimo papa politico della storia è stato il papa polacco; dopo di lui c’è stato un papa spirituale, il papa tedesco, che è rimasto qualche anno in Vaticano a girarsi i pollici e alla fine ha fatto l’unica cosa ragionevole: si è ritirato.

Il papa che c’è adesso è andato a vivere in albergo.

Non sa cosa fare, e fa il parroco del mondo.

Ha indetto un giubileo ma l’unica cosa da giubilare, direbbe suor Giulia, è la religione dei papi.

In cui non credono più nemmeno i papi e che ha ancora le sue basi laggiù nel Seicento.

Rinnovarla, trasformarla: sì, ma come?

Con metà del popolo di Dio dietro le spalle e senza più nessuna vera spinta verso qualcosa di nuovo?

Anche questa è una storia italiana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *