mdpr1@libero.it

Giacomo Nizzolo: l’eterno secondo

Commenti (2) Sport

Chissà se il giovane corridore ciclista Giacomo Nizzolo ne ha sentito parlare, ma, infiniti anni fa o quasi, un certo Gaetano Belloni, detto ‘Tano’, fu battezzato l’eterno secondo.

Se non lo sa, Nizzolo, glielo dico io, dopo che  al Giro d’Italia, nella tappa conclusa a Lugano, ha conquistato per l’ennesima volta la cosiddetta piazza d’onore.

Comunque, stia su du morale e speri davvero di essere all’altezza dell’illustre predecessore, il quale, ridendo e scherzando, portò a casa un Giro d’Italia, due Milano Sanremo e tre Giri di lombardia.

Per essere uno che secondo la leggenda non vinceva mai, un gran bel bottino!

2 Responses to Giacomo Nizzolo: l’eterno secondo

  1. Roberto Gervasini ha detto:

    Tano Belloni era mitico. Un famoso motto di carattere religioso recitava ” Gesu’ Cristo fu il Primo comunista mentre Tano Belloni era l’ETERNO secondo!”

  2. Silvano Calzini ha detto:

    Tano Belloni ho fatto in tempo a vederlo nei primi anni Settanta a Milano in viale Certosa. Aveva già un’ottantina di anni, ma era inconfondibile con i suoi sopracciglioni, la bici da corsa ele mollette fermapantaloni,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *