mdpr1@libero.it

Il razzismo inconsapevole di papa Francesco

Commenti disabilitati su Il razzismo inconsapevole di papa Francesco Varie ed eventuali

di Enzo Tosi

L’affermazione francescana, riferita ai “disperati”: “Sono uomini e donne come noi …” costituisce la più sincera, in quanto spontanea ed inconsapevole, dichiarazione di razzismo.

Nessuno, non inconsapevolmente animato da sentimenti di percezione di differenza, vien preso dal bisogno di dire “sono gente come noi”.

Se io vedo un bergamasco ma pure se vedo un coreano o una negra, in nessuna situazione sento il bisogno di affermare “uno come me”.

Costui, con voce fastidiosamente impostata, non si rende conto di ciò che dice.

Quelli come lui sono i massimi responsabili del richiamo incessante, dell’infinito specchietto per allodole, esercitato verso sterminate masse africane e della conseguente incalcolabile sequenza di tragedie e lutti che colpiscono le vittime di tale richiamo.

Enzo Tosi