mdpr1@libero.it

D’Alema il vinattiere

Commenti disabilitati su D’Alema il vinattiere Varie ed eventuali

Povero D’Alema, non può neppure vendere i suoi libri e, soprattutto, il suo vino ai compagnucci che subito tutti addosso!

Ebbene, quanto ai libri, non pochi cosiddetti scrittori, cosiddetti saggisti e in verità politicanti hanno fatto e fanno come lui, ragione per la quale non li ho mai invitati ai miei ‘Salotti’.

Quanto al vino, un po’ troppe davvero le duemila (duemila) bottiglie rifilate agli ischitani.

In altri, lontani e felici tempi, come ho narrato in Malagodi vinattiere‘, appunto Giovanni Malagodi, produttore di vino in Toscana, quando a pranzo o a cena in un ristorante, finito di mangiare, si appartava col proprietario cercando di vendergli qualche cartone del suo prodotto.

Un prodotto ottimo (e chissà quello di D’Alema?) e non molte bottiglie, certo non inqualche modo ‘imposte’ al compratore!