mdpr1@libero.it

Contro la democrazia

Commenti (2) Varie ed eventuali

Si può certamente irridere alla democrazia quando si vive in un Paese democratico!

Su tale strada si posero nei primi decenni del Novecento non pochi autorevoli intellettuali americani.

Al riguardo:

a, Henry Louis Mencken a proposito della democrazia nelle parole di Francis Graham Wilson:

“Il cittadino democratico vota negativamente, contro la vita bella che egli non può godere: gli uomini inferiori sono sempre contro quelli che sono loro superiori”.

Da ‘Notes on Democracy’, 1926

 

b, La democrazia non può operare senza un elettorato intelligente e dev’essere fatto uno sforzo per dare agli intelligenti una giusta parte di autorità politica”.

Anthony M. Ludovici, ‘A Defense of Aristocracy’, 1915,

Irving Babbitt, ‘Democracy and Leadership’, 1924

 

c, “Gli scrittori e i pensatori intelligenti devono appellarsi alla minoranza civile”.

George Santayana, ‘Character and Opinion in the United States’, 1934

2 Responses to Contro la democrazia

  1. Roberto ha detto:

    Shaw, il grande drammaturgo inglese, diceva che se in botanica vigesse la democrazia le rose sarebbero state esiliate a favore delle ortiche.

  2. Michele Gaslini ha detto:

    William Inge, osservò acutamente come il dramma della democrazia risiedesse nella capacità di quest’ultima di contare i voti, ma di non saperli pesare. Del resto, Inge era un sacerdote e, dunque, aveva ben presente come fosse stata proprio una procedura democratica a fare preferire Barabba a Gesù …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *