mdpr1@libero.it

L’operazione Triton non è assolutamente chiara

Commenti (1) Varie ed eventuali

di Enzo Tosi

L’operazione Triton di Frontex (ma suona molto più fico “traiton”) non è chiara ad alcuno del popolo (noi).

Probabilmente non è chiara neppure a chi l’ha costituita, on. Angelino Alfano in primis.

E’ condotta da Marine Militari dei paesi UE?

Se così fosse, doverebbe esistere un Comando unificato: sarebbe il primo caso nella storia di un Comando militare unificato europeo.

Anche i sassi sanno che l’UE non è capace di esprimere una forza militare comune.

Oppure si tratta di navi mercantili, casualmente presenti sul teatro, coordinate da un Comando italiano?

Esempio un cargo olandese di passaggio che dia una mano a tirare su da un gommone alcune decine di ”disperati”?

Ma poi – qui viene il bello – di qualunque tipo sia l’operazione Traiton, A) l’Europa dovrebbe concorrere a bloccare il flusso, ovvero B) l’Europa deve sollevare l’Italia dalla solitudine dell’accoglienza ed ogni Paese dovrebbe prestarsi ad amplificare l’accoglienza al suo interno, Francesco benedicente.

Le due soluzioni non possono coesistere.

A ovvero B.

Chiaro che l’ipotesi B preconizza un’accoglienza in termini infiniti, la creazione di una pompa a vuoto europea capace di risucchiare inimmaginabili masse dal continente africano.

Qualcuno dei responsabili della politica europea (esiste ?) o dei nostri governanti ha idee precise (o semplicemente idee) in proposito?

Enzo Tosi

One Response to L’operazione Triton non è assolutamente chiara

  1. Ferrara Carmine ha detto:

    L’operazione “TRITON”,secondo la mia modestissima opinione, è semplicemente “MARE NOSTRUM” che ha cambiato nome. Per il resto, niente di nuovo alla luce del sole e ce ne accorgeremo non appena le condizioni del mare, con l’arrivo della bella stagione, volgeranno al bello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *