mdpr1@libero.it

Sanremo: volgarità e parolacce

Commenti (3) Varie ed eventuali

Non seguo il Festival di Sanremo da tempo immemorabile.

Capita, ora e da qualche anno, che attraverso youtube sia possibile dare un’occhiata a questo o a quello: a un paio di canzoni, alle performance dei cosiddetti ‘comici’.

Ho voluto (e mal me ne incolse!) sentire Paolo Kessissoglu e Luca Bizzarri.

Speravo, visto che qualche rarissima volta mi hanno fatto sorridere.

Un paio di battutte così così, molte volgarità, parolacce alle quali Carlo Conti non ha posto rimedio.

E mi è venuto da piangere ricordando la classe dei grandi presentatori e comici di una volta, appetto ai quali questa gentaglia scompare.

Forse che Raimondo Vianello o Corrado avevano bisogno di esprimersi incivilmente?

Una volta, quando le persone di una certa età lamentavano la pochezza dei tempi presenti rispetto a quelli andati, si poteva pensare e rispondere che rimpiangevano più che altro la loro giovinezza.

Oggi, non è così.

Oggi, attraverso i filmati, possiamo dimostrare senza tema di smentita che i tempi attuali sono infinitamente peggiori da ogni punto di vista.

E’ dimostrabile e dimostrato!!!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 Responses to Sanremo: volgarità e parolacce

  1. Ferrara Carmine ha detto:

    E’ una amara constatazione, ma oggi i nostri comici (?) infarciscono sempre di più le loro performances con battute di dubbio gusto e parolacce. Evidentemente pensano che sia il solo modo per far ridere il pubblico; in effetti mostrano solo la pochezza delle loro capacità.

  2. Sergio E. Pinto ha detto:

    A mio parere è il mondo intero che sta sgretolandosi. Stiamo peggiorando in tutto. Ci sono poche fiammelle di speranza per il futuro a meno che non avvenga una qualche rivoluzione che non vedo per nulla all’orizzonte, Purtroppo

  3. Gianni Laterza ha detto:

    NON parafrasando Brecht: “Ritengo che il demerito TOTALE sia di chi fà il fallo non di chi reagisce”
    Regola che dovrebbe avere valenza nello sport e nella vita. Se in TV si vedeva e si vede uno Sgarbi
    ( il cognome è già un programma) che dice 5/6 parolaccie ogni 12/13 parole, se Grillo & c. esprimono
    i loro vaf…. pubblicamente, se alla Camera se ne dicono di peggio fino a sfiorare la rissa, se vi fermate
    pochi minuti vicino a gruppi di ragazze/i di 14/15 anni, sentirete un frasario di parolacce che al confronto
    Sgarbi & c. Vi sembreranno dei………Chierichetti,……. .se…., se……, se…..,! ! ! ! !
    TV, Giornali, Politici, personaggi noti e meno noti, dovrebbero dare esempio di EDUCAZIONE e di
    rispetto per gli altri, Utopia ? Penso di no, volere, fortemente volere per raggiungere l’obiettivo.
    Gianni Laterza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *