mdpr1@libero.it

Ucraina: vi rendete conto che la guerra può dipendere da un cretino come Hollande?

Commenti (2) Varie ed eventuali

C’è qualcuno al mondo che non consideri Hollande un cretino?

Ebbene, dalle idee di questo emerito cretino possono dipendere le sorti di non pochi tra noi.

Va a parlare con Putin, quell’idiota di un francese, e alla fine lo minaccia.

Per cosa?

Per la questione Ucraina, una faccenda nella quale le ragioni sono tutte – tutte – dalla parte russa.

Che qualcuno si incarichi di eliminarlo, quel cretino, prima che sia troppo tardi!!!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 Responses to Ucraina: vi rendete conto che la guerra può dipendere da un cretino come Hollande?

  1. Fabio ha detto:

    A trattare con Putin sono andati Hollande e frau Merkel (Mogherini che doveva rappresentare l’Europa non c’era o se c’era non era ammessa al tavolo delle trattative).
    Il problema è che l’eventuale conflitto non sarebbe fra Francia-Germania e Russia.
    L’Italia, alla quale l’Europa non manca mai di fare sermoni, sarebbe chiamata a dare il suo contributo. E naturalmente i nostri brillanti governanti, europeisti a senso unico (nel senso di essere sempre ben disposti ad accettare fregature), si prodigheranno per essere more solito in prima fila.

  2. Giorgio ha detto:

    Hollande un cretino ?se non lo fosse non avrebbe una concorrente pericolosa come Le Pen Marine che approva l’operato di Putin,probabilmente anche per questo si accanisce innutilmente contro quel blocco di ghiaccio detto Putin.
    A monte del caso Ucraina,è successo che la Francia in un batter d’occhi vende 24 caccia all’Egitto,che parte di essi intervengono prontamente in Libia contro l’ISIS,che Gentiloni da gran scacchiere dice prima all’avversario le future mosse,ha permesso alla Francia di stoppare l’eventuale attacco italiano,che in ogni caso avrebbe dovuto essere autorizzato dalla NATO,di fatto gli arabi si rompono la testa tra loro e l’Italia tiene giù le mani dal petrolio e gas libico,perchè fa gola alla Francia.
    Mi chiedo come fosse possibile che nel giro di pochi giorni i caccia arrivino in Egitto e dopo qualche giorno ripartino in guerra mirata in Libia,viene spontaneo supporre con buone probabilità di far centro,che a condurre codesti caccia francoegizzi i piloti fossero esperti militari francesi,dopo aver posto gli adesivi di riconoscimento egizziani alle ali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *