mdpr1@libero.it

In morte di Mario Cuomo

Nessun commento Coccodrilli

il candidato non pervenuto

(15 giugno 1932   –   1 gennaio 2015)

Due mezze righe, non di più…

Ecco lo spazio dedicato a Mario Cuomo da Maldwyn Jones nella sua imperdibile ‘Storia degli Stati Uniti d’America’.

Troppo poco davvero!

Certo, come candidato alla Casa Bianca è stato un disastro e non per i risultati conseguiti.

Nel 1988, in buona posizione nei sondaggi e nelle indicazioni degli esperti in specie dopo il ritiro di Gary Hart, decide di non partecipare alle primarie democratiche e lascia così via libera a Michael Dukakis.

Quattro anni dopo, da tutti considerato il vero, possibile candidato vincente e non solo nella corsa interna al partito dell’asino, non scende in campo nella maratona che porterà i democratici a scegliere Bill Clinton e a dipoi strappare White House ai GOP.

E nell’uno come nell’altro caso, non dà spiegazioni!

Ma se a livello nazionale delude, non altrettanto fa nel New York.

Governatore in carica dall’1 gennaio 1983, reggerà lo scranno di Albany fino al 31 dicembre 1994: tre mandati governatoriali consecutivi e con il plauso di tutti.

Di lui, trasfigurandone in qualche modo aspetto e caratteristiche, si occupa, alquanto fuggevolmente come giusto visto il rifiuto, l’anonimo autore (si scoprì solo successivamente che si trattava del columnist Joe Klein) dell’ottimo ‘Colori primari’, il romanzo/documento che racconta con bello stile la storia, le vicende, gli accadimenti – vissuti dall’interno dello staff del candidato in seguito vincente – della campagna elettorale del 1992.

Italo americano con origini anche in quel di Tramonti – paese al quale sono molto legato – ha trasmesso fortunatamente la sua forte passione al figlio Andrew che siede oggi sulla poltrona di Albany che un tempo fu sua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *