mdpr1@libero.it

1963, quattro ore per una telefonata

Commenti (1) Amarcord

“Ricordo.

Dal paese eravamo approdati ad Albizzate.

Era il 1963”

Gli ho detto che il mio cellulare non funziona e Alfio è partito con i ricordi.

“Una volta alla settimana, prendevamo il treno per Gallarate.

Là c’era il centro STIPEL con la cabine.

Parlavamo con uno degli addetti.

Gli davamo il numero.

Aspettavamo un tempo indeterminato.

Finalmente, chiamati, parlavamo con mia sorella che era rimasta in Umbria.

Il tutto, compreso il viaggio di ritorno, in circa quattro ore.

Adesso, cellulare in mano, parli con chi vuoi in pochi secondi.

E non è passata un’eternità!”

One Response to 1963, quattro ore per una telefonata

  1. Mattia Munari ha detto:

    Quando poi non ci si spazientisce, nel 2014, se l’interlocutore non risponde all’istante e si insiste per un tempo indeterminato. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *