mdpr1@libero.it

Bruno Arcari, l’imbattibile

Commenti disabilitati su Bruno Arcari, l’imbattibile Sport

7 maggio 1968, è sera e seguo in tv l’incontro di pugilato per il titolo europeo dei pesi superleggeri tra il detentore Johann Orsolics – il miglior pugile austriaco mai salito su un ring e combatte in casa, a Vienna – e il nostro Bruno Arcari.

So che Arcari vincerà, è praticamente imbattibile.

Ho un solo timore: ha le sopracciglia fragili e se gli danno una testata il sangue corre a fiumi.

Le uniche due sconfitte – che nessuno può considerare tali dato che stava dominando – in carriera le ha subite per intervento medico.

Orsolics è un pugile spumeggiante e per qualche round sembra prevalere.

Bruno lo guata, lo colpisce duro, lo demolisce ripresa per ripresa.

Arriva a impadronirsi del ring.

Vince per ko e diventa campione europeo.

Da quel 7 maggio in poi, solo grandi affermazioni e un titolo mondiale conquistato e difeso con facilità.

E’ stato il più grande pugile italiano all time, Arcari ma nessuno se ne ricorda.

Chapeau, mille volte chapeau!

Bruno Arcari

Bruno Arcari