mdpr1@libero.it

Dove ti trovavi il 14 aprile del 2004?

Nessun commento Varie ed eventuali

Una vecchia storiella sempre attuale: siamo in tribunale, è di scena un testimone che si dimostra precisissimo a proposito di ogni particolare.

Afferma di avere visto esattamente quanto accaduto.

Scettico, l’avvocato chiede: “Ma lei a che distanza si trovava?”

“A sette metri e venticinque centimetri” è la risposta.

Basito, l’avvocato riprende: “Come fa ad essere tanto preciso?”

“Semplice”, è la replica, “Ho pensato ‘qualche imbecille me lo chiederà’ e così ho misurato”.

Ecco, Bossetti – quel tale che hanno sbattuto in galera senza lo straccio di una prova (il dna è un indizio) e che tengono dentro senza alcuna motivazione giuridica –  avrebbe dovuto essere altrettanto previdente tenendo un diario giornaliero così da potersi opporre a domande senza senso come quella che chiede a una persona di ricordarsi senza la minima confusione cosa ha fatto in un giorno determinato lontano anni ed anni.

Cosa avete fatto voi il 14 aprile del 2004 ora per ora, minuto per minuto?

Non lo rammentate?

In galera!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *