mdpr1@libero.it

Coe, Cram e Ovett

Commenti (3) Sport

A cavallo del 1980, incredibilmente, il mondo dell’atletica per quel che riguarda gli 800 e i 1500 metri fu dominato da tre inglesi.

Record mondiali che i tre si strappavano l’un l’altro, titoli olimpionici e europei a grappoli.

Sebastian Coe, Steve Cram e Steve Ovett, in stretto ordine alfabetico, i nomi di questi grandissimi campioni.

Perchè tre?

Perchè nello stesso periodo?

Quien sabe?

3 Responses to Coe, Cram e Ovett

  1. Silvano Calzini ha detto:

    Va detto che il mezzofondo sta agli inglesi come il melodramma sta agli italiani.

  2. Maurizio Mitolo ha detto:

    Carissimo MdPR,
    ho sempre ammirato questi tre mezzofondisti britannici e ricordo che ci entusiasmava l’accesa rivalità tra Coe e Ovett.
    Ai Giochi della XXII Olimpiade (svoltisi a Mosca nel 1980), boicottati dagli U. S. A. ed ai quali il Regno Unito partecipò senza bandiera né inno nazionale, presentandosi invece sotto le insegne del CIO (come l’Italia…), i suddetti si “scambiarono” le specialità nelle quali trionfarono: Coe, fortissimo negli 800 metri, s’aggiudicò i 1.500 metri (dando il bis ai successivi Giochi di Los Angeles, nel 1984); Ovett, invece, arrivò primo nella gara più breve (che doveva servirgli da semplice “allenamento” per la prova da lui prediletta) e dovette accontentarsi del 3° posto nei 1.500 metri.
    Con riferimento a Cram, fu il primo Campione del Mondo dei 1.500 metri (a Helsinki 1983) e si ripetè sulla stessa distanza ai Campionati Europei di Stoccarda, nel 1986.

  3. Roberto Gervasini ha detto:

    Nati intorno agli anni cinquanta presumo che godano oggi di cattivissime condizioni fisiche avendo corso troppo e troppo forte. Lo sport fa male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *