mdpr1@libero.it

Eistein e il suo ‘dossier delle stranezze’

Nessun commento Varie ed eventuali

Albert Einstein – da molti, a ragione, annoverato tra i più grandi uomini del XX secolo – raccoglieva scrupolosamente in un ‘Dossier delle stranezze’ le lettere più stravaganti inviategli da un buon numero di mattoidi.

Nel carteggio, oltre alla missiva di un indiano che gli annunciava di avere scoperto che il Sole non è caldo e a quella di un sedicente scienziato americano che lo ricopriva di insulti («Sei il principe degli idioti, il conte degli imbecilli, il granduca dei cretini…»), si rinviene anche una garbata lettera di un signore del New Jersey che scrive: «Ho letto il recente articolo di Life sulla sua nuova teoria. Vorrei informarla che ‘gli armoniosi edifici delle leggi cosmiche’ nei quali ‘è messa a nudo la struttura profonda dell’universo’ sono di mia proprietà. Il copyright porta la data del 4 agosto 1946».

Albert Einstein

Albert Einstein

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *