mdpr1@libero.it

Renzi: cento, mille, diecimila giorni!!!

Commenti (2) Varie ed eventuali

Matteuccio nostro sta imparando.

Non che non sia già mooolto avvertito: ci mancherebbe.

Sta però imparando una verità assoluta che non vale solo in politica (quanti imprenditori con l’acqua alla gola hanno fatto altrettanto? migliaia): occorre sempre rilanciare.

Nel caso specifico: aveva detto che entro cento giorni avrebbe rivoluzionato il Paese e che se non ci fosse riuscito sarebbe tornato a casa con la coda tra le gambe; oggi rilancia “Giudicatemi tra mille giorni”.

Fra poco chiederà di essere lasciato in pace per diecimila volte ventiquattro ore.

E gli va bene: ha a che fare con milioni di inebetiti e con molte migliaia di servi.

Evviva.

2 Responses to Renzi: cento, mille, diecimila giorni!!!

  1. Carmine ha detto:

    Sono perfettamente d’accordo con la Sua disamina. Credo che ormai tutti (?) dovrebbero aver capito che al di là dei famosi 80 Euro per acquisto voti alle Europee, tutto il programma slides era un bla bla bla. Ora chiede 1000 giorni per essere giudicato. Ho la netta sensazione di trovarmi davanti ad un bluff. L’altro giorno mi è capitato di vedere l’arrivo del nostro premier (minuscolo voluto) con l’aereo presidenziale in uno dei suoi recenti quanto inutili viaggi all’estero. Lui scendeva dall’aereo, ma io vedevo solo l’aereo: una premonizione?

  2. Michele Infante ha detto:

    Di concreto fino ad oggi non si è visto niente, molto fumo e tanta arroganza. Io da semplice capofamiglia penso che la ricetta per guarire i mali che ci attanagliano sia una sola: mettere in circolazione tanti soldi per far ripartire i consumi e quindi la produttività, poi dove trovarli è altrettanto facile: eliminando i tanti tanti sprechi e far contribuire a chi ha tanti soldi (e no ne farebbero una piega)alla ripresa di questo paese.
    Purtroppo assistiamo vittime impotenti al declino di questo nostro bel paese. Con il solo vantaggio che non abbiamo colpe perché non abbiamo eletto noi questi politici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *