mdpr1@libero.it

La teoria del panino pacifista

Commenti disabilitati su La teoria del panino pacifista Varie ed eventuali

Nel 1996, Thomas Friedman, commentatore di politica estera del ‘New York Times’, propose la ‘Golden Arches theory of conflict prevention’ (diventata ai nostri lidi ‘la teoria del panino pacifista’) dove gli archi citati sono quelli del McDonald’s.

L’idea era questa: Paesi con classi medie in crescita, simboleggiate dal loro accesso a McDonald’s, sono più interessate alla polpetta che a menare le mani, tant’è vero che due Paesi che ospitavano locali di quella catena non si erano mai fatti la guerra tra loro.

E’ ancora così?

Non più da tempo.

E il segno finale che le cose vanno male si è avuto pochi mesi fa quando la multinazionale dagli archi d’oro ha deciso di chudere i suoi tre ristoranti in Crimea a seguito dell’annessione delle penisola alla Russia.

Infiniti, come si vede, i modi per guardare e possibilmente capire come va il mondo.

(Devo la conoscenza di questa teoria e le notizie in merito all’amico inviato del Corriere della Sera Danilo Taino che tra settembre ed ottobre sarà mio ospite a Varese)