mdpr1@libero.it

Europee 2014, considerazioni

Commenti disabilitati su Europee 2014, considerazioni Varie ed eventuali

1)  I sondaggi – e non è la prima volta – erano sbagliati alla grande, visto che nelle ultime ore davano i 5 Stelle vicinissimi se non davanti al PD.

2)  Gli exitpolls hanno fatto ridere – in Italia succede oramai costantemente – tanto che il primo, che su La 7 dava Renzi in avanti su Grillo del 5% circa, confrontato con i dati reali, è incredibile: il PD ha il 20% di voti in più del principale competitore.

3)  I voti percentuali dei partiti – come sempre succede quando gli elettori calano e maggiore è il calo più grande è l’inganno – mostrano il falso:

il PD, guardando agli aventi diritto al voto, ha preso all’incirca il 24% il che vuol dire che oltre il 75% degli elettori non è con Renzi!

Il Movimento 5 Stelle ha riportato all’incirca il 12%. Forza Italia, il 9.5%, ancora all’incirca,  la Lega Nord il 3.5%, il NCD con Casini il 2.5%, Tsipras il 2.3%, tutti ovviamente all’incirca.

4) La coalizione al governo rappresenta quindi tra il 26 e il 28% degli aventi diritto e pertanto degli italiani.