mdpr1@libero.it

La classe politico/burocratica europea fa schifo!

Commenti (1) Varie ed eventuali

Siamo in mano, qui in Italia, a una manica di incapaci, pericolosamente idioti e lo sappiamo tutti.

Ma quel che davvero terrorizza è il constatare – non certo solo da oggi – che a livello europeo, sia per quel che riguarda l’Unione, sia per quel che concerne i singoli Stati e con pochissime eccezioni, va peggio!!!

Guardando all’Unione, chi mai, volendolo, sarebbe riuscito a mettere insieme una compagnia di pericolosi imbecilli qual’è quella che la dirige?

Una congrega di falliti non votati ma ‘nominati’: qualcuno mi dica dove e quando Barroso, Van Rompuy, Ashton, Rehn e via elencando hanno ben governato nei loro Paesi. Si pensi che tra i dirigenti europei che abbiamo scelto noi italiani nel tempo si contano illustri sconosciuti e in più Monti e Prodi (!!!???).

E a costoro si aggiunge una burocrazia elefantiaca e irresponsabile…

L’ho detto infinite volte, necessita uscire dall’euro e dall’Unione Europea.

NECESSITA.

Gli economisti dicono il contrario il che garantisce che questa è la strada da percorrere senza tentennamenti.

DOBBIAMO USCIRE ANCHE PER EVITARE I DANNI INCALCOLABILI CHE I POLITICI E BUROCRATI EUROPEI PROVOCANO, DANNI CHE SI AGGIUNGONO A QUELLI CAUSATI DAI ‘NOSTRI’ FESSACCHIOTTI!

Barroso, Van Rompuy e Olli Rehn

Barroso, Van Rompuy e Olli Rehn

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

One Response to La classe politico/burocratica europea fa schifo!

  1. Carmine Ferrara ha detto:

    Gli organi istituzionali europei sono per certo costituiti da una pletora di incapaci. I tre della foto sono al vertice della piramide, ma l’intero Parlamento ( organo peraltro che al massimo della stupidità è suddiviso su due sedi permanenti…perché? Mah!!! ) è costituito da una massa di riciclati senza alcun merito se non quello di dar parte dell’apparato di partiti politici, nonché quello di essere stati trombati alle lezioni politiche domestiche. Così è sicuramente per l’Italia, ma credo che la regola valga anche per gli altri Paesi. Il dramma di questa UNIONE EUROPEA risiede nel fatto che si sia voluto cominciare dalla coda: una moneta unica per tutti, non tenendo in alcun conto le varie peculiarità dei singoli Paesi. Una moneta unica per Stati separati. Questa, a mio modesto avviso, è stata la prima corbelleria del sistema. Al primo posto ci doveva essere un’unione politica e poi la moneta. Così come è strutturata la UE non va da nessuna parte. In sintesi: SIAMO FOTTUTI IN PARTENZA!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *