mdpr1@libero.it

Credo sia meglio attenersi ai fatti

Nessun commento Varie ed eventuali

Una bella giornata.

Sole.

Fa caldo.

Esco sul balcone in cerca d’aria.

Giù al fiume, un gruppo di bagnanti.

Una tra loro, bellissima.

La voglio.

Poco dopo, è mia.

Amore.

Amore.

Amore.

E aspetta un figlio.

Richiamo il marito.

Che torni a casa.

Arriva, ma rifiuta di giacersi con lei.

Lo elimino.

La sposo.

Il bimbo muore.

Resta di nuovo incinta.

Il neonato è la luce dei miei occhi.

Diseredo i suoi fratelli maggiori.

Lo designo mio successore e regnerà.

 

E Dio mi perdona…

E io mi perdono…

E tutti parleranno di me con particolare considerazione…

 

E il figlio di Dio apparterrà alla mia Casa…

Davide e Betsabea, Jan Massys, 1562

Davide e Betsabea, Jan Massys, 1562

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *