mdpr1@libero.it

Henry Louis Mencken: due parole al riguardo

Nessun commento Varie ed eventuali

E’ possibile dominare culturalmente alcuni decenni e di poi essere assolutamente ignoto ai piu’?

Certo che è possibile e basti guardare a Henry Louis Mencken per averne conferma.

Elitario ammiratore di Nietsche (affermava fra l’altro di scrivere per i pochi della minoranza colta e e disprezzava gli appartenenti alle classi per lui ‘minori’) , scrittore, saggista, critico e chi piu’ ne ha piu’ ne metta, ‘il Saggio di Baltimora’, come veniva chiamato, era ai suoi bei tempi, fino alla fine degli anni Trenta, un vero oracolo.

Notissimi i suoi motti, citatissimi i suoi aforismi, lettissimi i suoi articoli.

Tutti gli scrittori, anche i ‘grandi’, imploravano due righe del Nostro, fossero pure negative.

Poi, il declino, la malattia, il silenzio e, dopo la morte, l’oblio.

Nessuno, ai nostri giorni, ne parla ma vale invece la pena di rileggerlo.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *