mdpr1@libero.it

Sistema ‘Wade-Giles’ o sistema ‘Pinyin’?

Nessun commento Varie ed eventuali

L’ottimo ed elegante Gerry Scotti, all’epoca conduttore di ‘Passaparola’, nel corso di una delle puntate, proponendo un quiz a proposito del vocabolo cinese ‘dazibao’ (e, cioè, dell’un tempo famoso giornale murale usato durante la Rivoluzione Culturale, prima in Cina e poi anche in Occidente, quale validissimo strumento di lotta politica), d’istinto e facendo riferimento alla propria giovinezza, ha notato come, tempo fa, in luogo di ‘dazibao’, si sarebbe detto e scritto ‘tazebao’ e si è chiesto le ragioni di tale cambiamento nella grafia e nella pronuncia.

Ora, per la storia, dagli ultimi decenni dell’Ottocento e fin verso la fine degli anni Settanta, il sistema di trascrizione (o di traslitterazione) dal cinese maggiormente usato era il cosiddetto ‘Wade-Giles’, ideato dall’ex ambasciatore inglese a Pechino ed in seguito docente a Cambridge Thomas Francis Wade e perfezionato dall’altro studioso britannico Herbert Allen Giles, che ‘romanizzava’ il cinese rendendone possibile la scrittura e la pronuncia in Occidente.

Gerry Scotti

Gerry Scotti

Così, appunto, ‘romanizzati’ erano anche i nomi dei personaggi cinesi a noi noti, quali, per fare solo due esempi, Mao Tze-tung e Chou En-lai.

Nel 1979, però, le Nazioni Unite, accogliendo una richiesta in tal senso del governo della Cina Popolare avanzata da tempo, adottarono ufficialmente un diverso metodo di traslitterazione, chiamato ‘pinyin’, introdotto in Cina fin dal 1958, basato sulla lingua parlata nella regione di Pechino (Mandarino del Nord) e preferito dai cinesi perché, secondo loro, più corrispondente alle reali grafia e pronuncia.

Così, d’improvviso, Mao Tze-tung divenne Mao Zedong, Chou En-lai diventò Zhou Enlai e il famigerato tazebao si trasformò in dazibao.

L’avvento del ‘pinyin’ è una delle tante ‘rivoluzioni’ che segnano indelebilmente il passaggio delle generazioni.

Come, evidentemente, Gerry Scotti – comunque, decisamente più giovane di me – per ragioni di età e di formazione, resto personalmente allineato al vecchio e romanizzato ‘Wade-Giles’, al tazebao, a Chou En-lai e perfino a Mao Tze-tung!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *