mdpr1@libero.it

Renzi e gli auguri di Obama

Commenti (1) Varie ed eventuali

Pare – lo ha detto lui e per una volta gli crediamo – pare, dicevo, che Matteo Renzi abbia telefonato a Obama dopo aver raccattato la fiducia al senato.

L’inquilino di White House – dice il fiorentino – gli ha fatto gli auguri.

E qui si vede – se non è conscio della realtà e non abbia parlato solo ‘pour epater les bourgeoises’ – il provincialismo del povero Renzi: si vanta dell’accaduto, se ne gloria come di qualcosa di particolare, di ‘suo’.

Non sa (sarebbe drammatico) o (mi auguro) finge di non sapere che altrettanto sarebbe capitato (ed è occorso in passato) a qualsiasi altro uomo politico come lui (anche a Mario Monti!!!!!) arrivato al potere, fosse perfino – nei casi che alla Casa Bianca vanno bene – un dittatorello  di una delle repubbliche una volta definite ‘delle banane’!

‘Un titolo di cavaliere e una sigaretta non si negano a nessuno’, si diceva un tempo.

Un augurio del presidente degli Stati Uniti in un consimile caso, anche.

Barack Obama

Barack Obama

One Response to Renzi e gli auguri di Obama

  1. Luciano Vinciarelli ha detto:

    Gentilissimo dott. Raffo, potrebbe dirmi tra la frase “Un titolo di cavaliere e una sigaretta non si negano a nessuno” da Lei citata e quella “Un mezzo Toscano e una croce di cavaliere non si negano a nessuno”
    qual’è la versione giusta e chi realmente l’ha pronunciata?

    Cordialmente, Luciano Vinciarelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *