mdpr1@libero.it

Perchè Amanda Knox non verrà estradata in Italia

Commenti (2) Varie ed eventuali

Negli Stati Uniti, nel processo penale, quando una persona viene assolta non è possibile sottoporla a un nuovo processo evidentemente secondo la medesima imputazione.

Il perché è presto detto: il fatto stesso che un giudice o una giuria abbiano nel primo caso assolto pone in essere un ‘ragionevole dubbio’ sussistendo il quale l’imputato non puo’ essere condannato.

Amanda Knox è stata a suo tempo assolta?

Non doveva pertanto essere sottoposta ad un nuovo giudizio il cui esito per la giustizia USA è inesistente.

Non puo’, quindi, essere estradata in Italia per scontare una pena alla quale non doveva essere condannata.

Amanda Knox

Amanda Knox

2 Responses to Perchè Amanda Knox non verrà estradata in Italia

  1. Carmine Ferrara ha detto:

    Non so se Amanda sia colpevole o no. Non ho elementi per giudicare. Certo che i giudici stanno facendo figure sempre più barbine: condanna pesantissima, poi assoluzione piena, segue ricorso in Cassazione e rinvio della medesima, con motivazioni, per un nuovo processo. Quindi nuovo appello e condanna con inasprimento della pena. Seguirà nuovo ricorso in Cassazione avverso l’ultima sentenza. E c’è chi chiedeva la presenza in Italia della Knox. Il massimo dell’ottimismo! Mah? Mi sa che, in tutto questo tourbillon, l’unico fesso rimasto con il cerino in mano è Sollecito perché indipendentemente dalle legislazioni diverse tra noi e gli USA, in ogni caso, con cavolo che gli Stati Uniti ci ridaranno Amanda per scontare l’eventuale pena definitiva.

  2. Luca B. ha detto:

    Gli americani fanno bene a non concedere l’estradizione, già il fatto che prima è colpevole, poi innocente, poi di nuovo colpevole fa capire agli Americani che alcuni giudici italiani sono dei buffoni…
    Perciò di dubbi sulle sentenze non c’è ne uno solo, ma migliaia!!!
    Alcuni nostri giudici buffoni e burattinai non valgono un solo centesimo!!!
    Condannano gli innocenti e assolvono i colpevoli!!!
    Ah ah ah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *